Fondi mutualisti, prima dell’indennizzo

Madre natura non è un elemento controllabile, anche se è pur vero che è possibile prevenirne la forza e i danni. Co.Di.Pr.A. Trento, oltre a promuovere e informare costantemente gli agricoltori e le imprese sui nuovi sistemi di difesa attiva di fronte alle calamità naturali, da oltre 15 anni ha affiancato alle polizze assicurative i fondi mutualisti. Questi nel corso del tempo sono andati moltiplicandosi, ampliando la gestione del rischio anche a pericoli che vanno oltre alla pura calamità naturale.

La storia dei fondi mutualisti in Trentino comincia nel 2003. È questo l’anno in cui nasce il primo fondo mutualistico, dedicato alle produzioni dei conferenti di cooperative agricole a copertura dei danni catastrofali d’area derivanti da manifestazioni calamitose.

Fondi mutualisti, nobili principi: come funzionano

Nei fondi mutualistici ogni socio trasferisce parte del suo rischio in termini economici, cosicché si costituisca un capitale pronto a rispondere ai rischi della collettività. In sostanza, quindi, il principio nobile dei fondi mutualisti è la condivisione responsabile del rischio da parte degli agricoltori che si autofinanziano per la tutela della categoria e del territorio. L’obiettivo dei fondi è quindi in sostanza il perseguimento del bene comune.

Se le risorse dei fondi non vengono utilizzati nel corso dell’anno a risarcimento danni e il settore quindi non è stato soggetto, fortunatamente, a particolari problemi, il versamento annuale dei soci andrà accumulandosi nel fondo stesso. In questo modo il fondo acquisterà sempre più forza e potenziale per rispondere con ancora maggiore sicurezza ad eventuali indennizzi che possono insorgere negli anni successivi. Qualora il fondo invece non fosse sufficiente a coprire i danni, scatta una riparametrazione proporzionale fra i danneggiati.

Fondi mutalisti Co.Di.Pr.A. Trento

I fondi mutualisti sono strumenti di gestione del rischio innovativi e rivoluzionari, considerati talvolta una sorta di evoluzione della polizza assicurativa tradizionale (che comunque costituisce lo zoccolo duro della gestione del rischio del Consorzio). La buona gestione dei fondi mutalisti riduce l’azzardo e il rischio per il settore, valorizzandolo e rendendolo innovativo e performante cosicché sia competitivo e forte.

Il Condifesa Co.Di.Pr.A. oggi può proporre ai suoi associati diversi fondi mutualisti, che comprendono sia danni diretti che danni indiretti. Il sistema si è dimostrato performante e funzionale anche grazie a una governance che collabora e comunica costantemente con le Province e con tutti gli attori della filiera agricola, comprese le associazioni private coinvolte nel settore.

 

I nostri fondi mutualistici

  • REGOLAMENTO FONDO IST MELE
  • COMITATO DI GESTIONE:
    • Andrea Berti
    • Alessandro Dalpiaz
    • Mauro Fiamozzi
    • Giorgio Gaiardelli
    • Ernesto Seppi
    • Michele Odorizzi
    • Gregorio Rigotti
    • Albano Agabiti
  • REGOLAMENTO FONDO IST LATTE
  • COMITATO DI GESTIONE:
    • Andrea Berti
    • Giorgio Gaiardelli
    • Francesco Zendri
    • Giacomo Broch
    • Mauro Fezzi
    • Gregorio Rigotti
    • Sergio Paoli
    • Andrea Merz
  • REGOLAMENTO FONDO FITOPATIE VEGETALI
  • COMITATO DI GESTIONE:
    • Andrea Berti
    • Alessandro Dalpiaz
    • Mauro Fiamozzi
    • Giorgio Gaiardelli
    • Lorenzo Libera
    • Franco Prati
    • Gregorio Rigotti
    • Giovanni Menapace